Monday, 14 December 2015

Tagliatelle al ragù di cervo

Il freddo è arrivato, intenso e prepotente.
La mattina quando apro i balconi, i campi sono coperti da uno spesso strato di brina, tutto è bianco, tutto tace come quando nevica.
Ieri mi sono alzata presto anche se era domenica mattina, avevo voglia di preparare un buon pranzo per la nostra piccola famiglia.
Argo è rimasto a poltrire nella sua cuccia (che è accanto al nostro letto), nessun segnale di voler uscire .
Mio marito ha optato per restare sotto il piumone ancora un pochino, concendendomi così di avere la casa tutta per me.
Ho acceso il fuoco e le lucine dell'albero di Natale.
Il sottofondo musicale, la mia voce, che canticchiava canzoni della tradizione natalizia.
Avevo deciso di fare un bel dolce, il mio preferito, la torta di mele. 
E quindi, eccomi ad armeggiare con uova e farina.. e mentre la torta cuoceva ho impastato un buon pane di segale che avremmo accompagnato la sera con burro salato e salmone affumicato come fanno nel Nord Europa.
Ma il mio piatto principale della giornata doveva essere qualcosa di straordinario.
Così ho deciso per le tagliatelle al ragù di cervo.
La carne l'avevo già messa a marinare la sera prima affinchè perdesse il retrogusto dii "selvatico".
Ecco la mia ricetta personale di questo piatto, dedicata al bellissimo weekend dell'Immacolata che abbiamo passato in Valle Aurina, precisamente a Campo Tures.
Questo piatto potrebbe essere un'idea per il pranzo di Natale.


TAGLIATELLE AL RAGU' DI CERVO

Ingredienti per 2 persone:

125 gr di tagliatelle fatte in casa oppure già pronte di buona qualità
200 gr di filetto di cervo
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro Mutti
1 carota
1/2 cipolla dorata
1 spicchio di aglio
alloro
cannella
noce moscata
chiodi di garofano
bacche di ginepro
rosmarino
salvia
vino rosso
olio evo
sale
pepe


Mettete a marinare la carne di cervo per una notte intera in una ciotola ricoprendola con il vino rosso, aggiungete aglio, una foglia di alloro, una manciata di bacche di ginepro, rosmarino.
Coprite con la pellicola e lasciate riposare in frigo.


Tagliate a cubetti la cipolla e la carota, spremete lo spicchio di aglio con l'apposito attrezzo e mettete le verdure in una pentola con un filo d'olio.
Fate rosolare bene e aggiungete un rametto di rosmarino e delle foglioline di salvia.
Tagliate la carne a coltello. Non deve essere un ragù macinato, deve risultare un trito grossolano.
Aggiungete il cervo alle verdure, alzate il fuoco sotto la pentola e sfumate con un pò di vino rosso.
Adesso è il momento più delicato, quello dell'aggiunta delle spezie: io sono andata a mio gusto personale, questo ragù mi piace speziato ma non troppo. Dovete trovare voi il giusto equilibrio.
Io ho aggiunto una grattata di noce moscata, ho utilizzato un chiodo di garofano e l'ho polverizzato tra le dita e un pizzico di cannella.


Salate, pepate, togliete la salvia e il rosmarino, aggiungete un mestolo abbondante di acqua o di brodo vegetale caldo, il concentrato di pomodoro e lasciate sobbollire a fuoco lento per circa un'ora.

Lessate le tagliatelle in acqua salata bollente e versatele nella pentola con il ragù.

Impiattate e abbinate un buon calice di vino, noi abbiamo scelto un Pinot Nero, vino tipico dell'Alto Adige.




















2 comments:

  1. Non c'è che dire: un pranzo davvero "da re", in un'atmosfera natalizia che arriva fin qui, con lucine, canzoni e profumi di ottima cucina casalinga!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie mille per il tuo commento Silvia, mi scalda il cuore.

      Delete